Presentazione WWF

Cambiamento climatico, rifiuti marini, bio-invasioni, relitti, pesca illegale e contaminazione sono solo le più note insidie, tra le tante spesso nascoste o poco note, che minacciano il mare e con esso  l’economia, il benessere e la salute delle comunità costiere. La ricerca scientifica, lo sport, la cultura, l’ambientalismo e la società civile devono essere attori attivi del processo di tutela di questo ecosistema sia nell’adozione di buone pratiche che attraverso un ruolo attivo si difesa, sensibilizzazione e ripristino dell’ambiente marino.

WWF attraverso le sue comunità come Generazione Mare e WWF Sub e i volontari delle organizzazioni aggregate opera su tutto il territorio nazionale attraverso progetti per una pesca artigianale responsabile, la raccolta dei rifiuti marini e delle reti fantasma, il soccorso agli animali in difficoltà, supportando e supportato dalla ricerca scientifica di istituzioni quali il CNR e la Stazione Zoologica Anton Dohrn, e partecipando a progetti come il MED Plasticbuster, il Life Euroturtle e il FEAMP Responso. Solo in Sicilia lo scorso anno sono state soccorse decine di tartarughe e custodite, sino alla schiusa, oltre 100 nidificazioni. 

Per questo WWF supporta questa iniziativa ed è al fianco di chi si impegna nella tutela del mare e della sua biodiversità. 

                                Franco Andaloro, Delegato WWF Sicilia